Stalking in una coppia gay: primo caso in Emilia. Lui-A condannato a non avvicinarsi a lui-B

E’ il primo caso in Emilia-Romagna di stalking in una coppia gay. L’amore fra due maschietti è finito davanti al giudice di Reggio, che ha condannato il lui/A (lo stalker) a non avvicinarsi ai luoghi frequentati dal lui/B (la parte offesa).

L’ordinanza con la misura cautelare è stata emessa dal Gip Angela Baraldi nell’ambito di indagini condotte dalla Squadra Mobile di Reggio e coordinate dal sostituto procuratore Maria Pia Pantani. Lo stalker è il cinquantenne L.M., siciliano di origine: il carattere focoso degli isolani non si smentisce neppure in ambiente gay.

Come detto, si tratta di una relazione sentimentale tra due maschi, finita malamente.
Tutto risale al gennaio scorso quando uno dei due uomini ha deciso di chiudere la storia d’amore. Il compagno, non riuscendo ad accettare la separazione, ha iniziato a perseguitare l’ex con telefonate continue a tutte le ore del giorno e della notte, anche sul luogo di lavoro, con l’aggiunta di decine di messaggi contenenti anche frasi di natura minacciosa, di appostamenti e pedinamenti quasi quotidiani.

La vittima  ha dovuto cambiare completamente le abitudini di vita e chiedere il trasferimento in altro luogo di lavoro.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *