Lindo c’è: “Sono vivo, vecchio, a mio modo barbarico
Il cantautore-scrittore ha compiuto 60 anni. Presentazione sabato a Milano

Giovanni Lindo Ferretti presenta il suo nuovo libro, “Barbarico” (Mondadori), il 23 novembre a Milano (ore 16.00, presso la Libreria Mondadori Duomo), all’interno dell’iniziativa Bookcity. Interviene Andrea Del Monte, reggiano anche lui (ex direttore di Reporter, da anni è in forza alla casa editrice di Segrate).

Sempre per Mondadori, di Lindo precedentemente sono usciti “Reduce” (2007) e “Bella gente d’appennino” (2009).

Breve presentazione di “Barbarico”

lindo“Affinando lo sguardo, circoscrivendo lo spazio del vivere quotidiano, ho perso sintonia con gli accadimenti che determinano la cronaca e il divenire del mondo.
Non ne sento mancanza.
Eppure sono vivo, cosciente di quale dono sia vivere, so della necessità di renderne merito e dei doveri che mi competono.
Conosco molto delle mie colpe. So che sarò giudicato di fronte a Dio e posso solo sperare nella Sua misericordia.
Non nutro altre speranze.
La mia fiducia nelle capacità e possibilità dell’umanità oscilla tra l’applicazione della regola benedettina: ora, lege et labora e il buon senso tradizionale. Non credo che telefonando, fotografando, in rete collegati ed informati cresca di un’oncia la meraviglia del vivere.
Sono vecchio, operando per lo più per reazione tendo ad essere reazionario.
Montano per discendenza e per scelta, per contingenza da centocinquant’anni italiano, ma sono italico da secoli e secoli e il futuro non è dato; cattolico romano in lotta perenne con un substrato barbarico, un sentire profondo che secoli di fede e devozione hanno contenuto, limato, educato ma, inutile mentire, affiora qua e là prepotente: occhio per occhio, dente per dente”.

Giovanni Lindo Ferretti

Be Sociable, Share!

Una risposta a 1

  1. Asteroide 423 Rispondi

    20/11/2013 alle 02:07

    E se dio finisse con la a ?
    Occhio per occhio dente per dente…
    Un grande abbraccio leggero da chi sai (genere celtico femminile indomabile), dalle Dolomie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *