Fiere: in bocca
a Parma, Reggio rischia di chiudere

“Le dimissioni del  presidente Paolo Lusenti e di Lisa Ferrarini sono due macigni che rischiano di far affondare definitivamente le Fiere di Reggio Emilia, proprio in un momento in cui il rinascimento dell’area nord di Reggio con la stazione mediopadana, il tecnopolo, il centro Malaguzzi e lo stadio Mapei-Città del Tricolore avrebbe bisogno del  pieno protagonismo delle Fiere di Reggio.

I soci pubblici e privati delle Fiere farebbero bene a respingere tali dimissioni dei Presidenti e soprattutto,superando sterili polemiche, dovrebbero al più presto decidere il da farsi per consentire l’effettuazione delle tantissime manifestazioni fieristiche, che si svolgono nella nostra città e danno ricchezza economica e culturale alla nostra realtà.

Purtroppo già quest’anno è saltata la popolarissima Casa e Tavola e tutti sappiamo che non è semplice riprendere un’iniziativa periodica dopo una pausa più o meno forzata.

Occorre pertanto verificare al più presto la possibilità di uscire dalla procedura di concordato di Fiere di Reggio, consapevoli però della necessità di un finanziamento per il consolidamento ed il rilancio da parte dei vari soci.

Pare inoltre necessario che Crpa eventi sia messo in grado di operare con l’affitto del ramo d’azienda e di rappresentare l’indispensabile punto di riferimento dei vari organizzatori delle fiere,almeno fintanto non sarà terminata la procedura di concordato preventivo.

Suona di sospetta carità pelosa il coinvolgimento straordinario nella gestione degli eventi fieristici per i prossimi anni da parte delle Fiere di Parma,di cui si sarebbe parlato nel recente incontro regionale sul tema. Niente in contrario a collaborazioni tra le varie fiere emiliane,ma non vorremmo che collaborazione con Parma significhi chiudere Reggio.

E invece le Fiere reggiane debbono assolutamente continuare a vivere e certamente non come mera appendice di una fiera zoppicante e piena di problemi come quella di Parma!”.

Roberto Pierfederici (consigliere comunale socialista RE)

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *