E’ ai domiciliari, può uscire per andare a scuola, ma va a zonzo per un mese filato (dove?). Arrestato dai carabinieri

I tempi sono duri. Anche marinare la scuola può costare molto caro. Specialmente per un mese filato. Specialmente se sei agli arresti domiciliari, puoi uscire solo per andare a studiare e ai carabinieri racconti un sacco di balle.

Tutto questo accaduto a un bravo ragazzo marocchino, arrestato a Riccione per rapina e tentato omicidio in occasione della notte di sangue del 2 settembre di un anno fa, all’esterno di una discoteca del divertimentificio rivierasco.

L’uomo, che ha 19 anni, due mesi dopo aveva ottenuto i domiciliari nella sua abitazione di Reggio, dalla quale con successivi provvedimenti poteva assentarsi inizialmente dalle 8 alle 13,00 e poi dalle 8 alle 17,45 di tutti i giorni, per frequentare uno stage presso un istituto formativo della città.

L’altra sera intorno alle 18,00 i Carabinieri non l’hanno trovato a casa e lui poi li ha chiamati al telefono sostenendo che il bus che da scuola doveva riportarlo a casa aveva avuto un ritardo di quindici minuti motivo per cui non era stato trovato. I militari sul momento hanno sorvolato (la scusa con l’attuale condizione del trasporto pubblico, è plausibile) , tuttavia la mattina hanno controllato a scuola, e lì venivano a sapere che  non frequentava il corso da un mese, e che lo stesso stage formativo da qualche giorno era finito.

Cominciate le ricerche dello studente “modello” , i carabinieri lo rintracciavano  per strada. di fronte a loro, il marocchino a tirato fuori l’ennesima bugia: “Ho fatto tardi sto andando a scuola”. E’ stato portato direttamente in carcere per evasione in flagranza di reato.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *