Carta & Psyco

La più bella del mondo, ovvero: “La Via Maestra”, dal cinema alla piazza. Rodotà, Zagrebelsky, Landini: “come il feticismo costituzionale si è trasformato in una scuola coranica (vedi la sfilata di sabato)”

costituzione

Il rapporto di Libertà e Giustizia, MicroMega e affini con la Costituzione ricorda da vicino quello di Norman Bates con l’anziana madre in “Psyco”: un feticcio incartapecorito che li scruta dai piani alti dell’antica dimora, e a cui si volgono con un misto di devozione filiale e sottomissione masochistica. Davanti alla vecchia impagliata con le orbite vuote non sanno che dire, ammirati: “Sei la più bella del mondo, mamma”. La più bella e la più giovane, e guai a insinuare che forse la signora Bates mostra qualche segno di decomposizione: “La Costituzione in questi anni è stata ben viva”, si legge nell’appello della manifestazione “La via maestra”, convocata per oggi a Roma. E questa mamma incombe come un Super-Io ammonitore “di fronte alle miserie, alle ambizioni personali e alle rivalità di gruppi spacciate per affari di stato”. Freudianamente, il quadro è chiaro.

La più fedele replica di Anthony Perkins, perfino nei tic e nella mimica nevrotica, è senz’altro il professor Zagrebelsky. Nel testo di convocazione di un’altra manifestazione a difesa della Carta, che darebbe filo da torcere al miglior analista, se la prendeva con la mentalità degli aspiranti riformatori: “Invece di cambiare se stessi, mettere sotto accusa la Costituzione. La colpa è sua! Non sarà invece che la colpa è vostra?”. Idea molto laica del diritto: sono gli uomini che devono piegarsi alla Scrittura, non il contrario, e se non ci riescono facciano almeno penitenza.

A benedire la manifestazione di oggi ci sono molte tipologie di feticisti della Carta, da don Ciotti (variante mistica), che tiene il Vangelo in una mano e la Costituzione nell’altra, e che presto troverà corrispondenze allegoriche tra i dodici articoli fondamentali e i dodici apostoli, a Barbara Spinelli (variante psicotica), convinta che la Costituzione “sarà compiuta quando i suoi princìpi s’estenderanno all’Europa”, o anche oltre, perché no, sognando una Via Lattea democratica fondata sul lavoro.

Come le migliori nevrosi, il feticismo costituzionale rischia di propagarsi ai figli, a giudicare da un capolavoro di comicità involontaria appena pubblicato da Salani, “La Repubblica siamo noi”, a cura di Gherardo Colombo e Roberta De Monticelli. Il volume raccoglie i più bei temi scritti dai ragazzi delle superiori a coronamento di un’iniziativa pedagogica di Libertà e Giustizia e dell’Anm. E in effetti i testi – scelti da una giuria dove spicca la divina Concita – sarebbero eccellenti, per una scuola coranica: “La Costituzione è uno dei più grandi capolavori mai realizzati nella storia”; “è una fonte di valori e virtù che ci conduce sulla via per un grande futuro: dobbiamo solo seguirla”; è “portatrice di valori assoluti e universali”; “è già dentro ciascuno di noi”, più intima del nostro intimo, come il Dio di Agostino. C’è anche il piccolo Franti della madrassa, l’infame che aveva riso all’idea dei corsi di Costituzione e che per castigo è stato iscritto d’ufficio dalla maestra: ora, convertito, ringrazia commosso i signori costituenti e i magistrati.

Ci sarebbe da ridere, se non fosse un thriller psicologico. Oltretutto, la concomitanza tra la manifestazione romana e il messaggio alle Camere di Napolitano illumina un’altra e decisiva analogia con Norman Bates, il figlio devoto che con la parrucca della cara mamma uccideva chiunque ne insidiasse il feticcio. Brandire la Legalità come un coltellaccio? Leggete l’ultimo appello di MicroMega firmato da Camilleri, Flores, De Monticelli e Spinelli, il punto più basso e autoparodistico del ventennio antiberlusconiano, sintomo di una “idée fixe” per la quale altro che Freud, non basterebbe l’elettroshock: l’indulto + amnistia, scrivono i nostri, “avrebbe come unici effetti più rilevanti quelli di fornire un salvacondotto tombale a Berlusconi”. E se proprio lo si deve votare, “chiediamo che siano esclusi tutti i reati per cui è condannato, imputato o indagato Silvio Berlusconi”.

Ci sarebbe da piangere, stavolta, ma di nuovo a prevalere è la paura. La paura di far la doccia sovrappensiero e veder sbucare un Flores in parrucca che ti pugnala a colpi di Costituzione.

(Guido Vitiello, “Il Foglio”)

banner cost

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *